Verdure dimenticate

Verdure dimenticate al forno

FacebookTwitterGoogle+Pinterest

Il titolo, Verdure dimenticate, non è particolarmente invitante ma premetto che non mi riferisco a quelle verdure che giacciono per qualche giorno in più del dovuto nel cassetto basso del frigo. Sto parlando di quei tuberi colorati dalle forme un po’ mostruose che vanno tanto di moda. Si tratta di Topinabur (delle patate bitorzolute al sapore di carciofo), carote colorate, pastinaca (una carotona beige con un sapore dolce ma fresco). Sicuramente salutari, le ho comprate in realtà perché erano colorate ed ero curiosa.

Verdure dimenticate

Ingredienti:

  • 2 carote
  • 2 carote nere
  • 1 carota bianca
  • 2 topinabur
  • 1 pastinaca
  • 1 patata
  • 1 pezzo di zucca
  • 1 cipolla
  • rosmarino fresco
  • sale e pepe qb
  • olio EVO

Lavate e spazzolate le carote colorate che non vanno pelate come le loro cugine arancioni. Pelate i topinabur indossando dei guanti (la buccia del topinabur potrebbe rilasciare una resina che annerisce le mani, un po’ come i carciofi). Pelate la pastinaca, le patate e la zucca. Tagliate pastinaca e carote a lamelle, topinabur a rondelle sottili, patate e zucca a cubetti. Scottate tutte le verdure nell’acqua bollente a parte cipolla e zucca. Le verdure hanno tempi di cottura un po’ diversi, suggerrei di immergerli nell’acqua  separatamente per evitare che le carote nere colorino il resto delle verdure. Le carote avranno bisogno di bollire per 2 minuti (sempre che le lamelle non siano troppo sottili, è importatante che rimangano croccanti), i topinabur per un minuto, la pastinaca e la patata per 3 minuti. Disponete le verdure precotte in una teglia da forno, salate pepate, cospargete di foglioline di rosmarino e versate un filo d’olio evo.  Infornate a 200° per 15 minuti. Ho usato le verdure dimenticate al forno come contorno per il filet mignon à la normande pubblicato qualche settimana fa

Verdure_forno

Verdure dimenticate3

Categories: Cucina, Light, Pausa pranzo, Ricette, VEG, Vegano, Vegetariano

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *