????????????????????????????????????

Tronchetto di Natale al cacao e crema la caffè

FacebookTwitterGoogle+Pinterest

Volevo portare un dolce al pranzo di Natale, cercavo qualcosa di abbastanza scenografico, ma non troppo impegnativo nè ecessivamente pesante… ho quindi pensato ad un bûche de Noël in una versione più semplice, senza la tradizionale copertura di ganache, con una pasta al cacao ed un ripieno di crema al caffè…

Ingredienti per la base

  • 140 gr di farina 00
  • 5 uova
  • 110 gr di zucchero semolato
  • 40 gr di cacao in polvere
  • Aroma alla vaniglia
  • un pizzico di sale
  • un cucchiaino raso di lievito per dolci

Per la farcitura al caffè

  • 150 gr di mascarpone
  • 150 ml di panna da montare
  • 1 moka da 3 di caffè deca
  • 3 cucchiai di zucchero
  • 2 cucchiai di maizena (fecola di patate)
  • 1 cucchiaio di zucchero a velo

ingredienti

Ho iniziato dalla base. In un recipiente ho montato, con una frusta elettrica, le uova con lo zucchero fino a ottenere un composto chiaro e spumoso. Ho poi aggiunto la farina setacciata con il lievito e l’ho amalgamata bene dal basso verso l’alto con una frusta, delicatamente, ho poi continuato con il cacao, facendo sempre ben attenzione a non smontare il composto. Ho aggiunto un pizzico di sale e l’aroma alla vaniglia.

Ho acceso il forno a 180° e nel frattempo ho messo il composto in una leccarda coperta da un foglio di carta forno, precedentemente bagnato e strizzato. Ho ben livellato l’impasto con una spatola, ho infornato e ho lasciato cuocere per 10 minuti.

impasto

Trascorso il tempo necessario, ho sfornato la base di pan di spagna al cacao, l’ho tolto dalla teglia lasciandolo sulla carta da forno. L’ho coperto con un’altro foglio di carta forno bagnato e strizzato, poi l’ho arrotolato delicatamente e avvolto con un canovaccio umido per farlo intiepidire.

Nel frattempo mi sono occupata della crema al caffè. Ho prima preparato la base della crema. Ho messo in un pentolino l’uovo, lo zucchero e la fecola di patate e ho ben amalgamato con una frusta. Ho quindi aggiunto il caffè caldo appena fatto di una moka da 3 persone. Dopo aver ben mescolato il composto, ho acceso il fuoco e ho postato ad ebollizione mescolando continuamente. Ho ottenuto una bella crema densa e profumata. L’ho riposta in una ciotola, ricoperta con la pellicola trasparente, e l’ho riposta in frigo a raffreddare per 15-20 minuti. Una volta fredda l’ho mescolata e vi ho incorporato il mascarpone e la panna montata a neve ben ferma con lo zucchero a velo.

Ho quindi ripreso la base in pasta biscotto, ho eliminato la carta da forno e l’ho ricoperta con la crema, livellando con una spatola. Ho quindi avvolto la pasta su s stessa per creare il rotolo. Ho coperto tutto con la pellicola ben stretta ed ho lasciato riposare il rotolo in frigo per una notte. In realtà il tempo necessario è una mezz’ora.

crema caffè

L’indomani mi sono occupata di decorare il mio tronchetto di Natale con del cioccolato fuso, delle stelline di zucchero e dello zucchero a velo.

tronchetto2 tronchetto 3

Categories: Cucina, Dolci, Ricette

panettone logo

Panettone soffice alla Nutella

FacebookTwitterGoogle+Pinterest

Un paio di settimane fa, sono andata a casa di Mariarosa, armata di macchina fotografica, per dare vita al nostro progetto di fare insieme un panettone soffice senza uvetta né canditi, accompagnato da nutella. Il mio apporto al lavoro, devo ammetterlo è stato minimo… il merito è delle manine esperte di Mariarosa!
L’ostacolo maggiore, è stato preparare la nostra ricetta senza lo stampo tipico in carta oleata marrone, che in Francia da noi non si trova facilmente. Avremmo forse potuto ordinarlo su internet, ma non volevamo perdere tempo, quindi non ci siamo arrese e, con carta da forno, forbice, cucitrice e metro siamo riuscite a creare un pirottino che ha contenuto la pasta sofficissima del nostro panettone! Sul web ci sono tante soluzioni fai da te per ricreare lo stampo da panettone in casa, aggiungo qui il link di quella che abbiamo usato noi.

bircolage logo

Ingredienti per un panettone da 1 kg:
250 g di farina 00
250 g di farina manitoba
250 ml di latte
100 g di burro
75 g di zucchero
1 pizzico di sale
1 uovo intero + 1 tuorlo
12,5 g di lievito di birra (mezzo cubetto)
1 scorza grattugiata di 1 arancia e di 1 limone
1 cucchiaino di estratto di vaniglia (l’aroma di vaniglia o la vanillina vanno comunque bene)
200 g di nutella o crema alla nocciola

collage panettone

Iniziamo facendo intiepidire il latte in un pentolino e sciogliamovi il lievito.
In una ciotola capiente (se non avete l’impastatrice come noi…) mettiamo le due farine miscelate e aggiungiamo l’uovo e il tuorlo, lo zucchero, la scorza d’arancia e di limone, l’estratto di vaniglia e il latte tiepido con il lievito. Amalgamiamo bene gli ingredienti con le mani, dopo di che rovesciamo l’impasto su un piano di lavoro infarinato ed impastiamo bene per altri 5-10 minuti.
Aggiungiamo a questo punto il burro a temperatura ambiente e impastiamo per altri 5 minuti, in modo che il burro venga assorbito completamente dalla pasta, aggiungiamo in fine il pizzichino di sale.
Mettiamo l’impasto in una ciotola asciutta e infarinata, copriamola con un canevaccio e riponiamola in forno con la luce accesa per la prima fase della lievitazione che deve durare 1 ora.
Terminata questa fase, lavoriamo l’impasto con le mani per qualche secondo su un piano infarinato e mettiamolo nello stampo. Riponiamolo nuovamente in forno, con la lucina accesa per 1 ora e mezza. In questo tempo l’impasto dovrà raggiungere il doppio del suo volume iniziale.
Terminato questo tempo togliamo il panettone dal forno, pratichiamo una croce sulla superficie della pasta e aggiungiamo dei pezzettini di burro. Infornate a forno statico, preriscaldato a 180° per circa 30 minuti.
Togliamo dal forno e lasciamolo raffreddare. L’ideale sarebbe di farlo raffreddare a testa in giù…
Una volta freddo, pratichiamo dei piccoli attorno alla circornferenza del panettone fori e iniettiamo la nutella con un sac-à-poche.
Noi in realtà abbiamo aggiunto la nutella con un cucchiaio direttamente sulla fetta di panettone. Il risultato è stato ottimo: il panettone era soffice e profumano di agrumi e vaniglia!

fetta 1

Categories: Cucina, Dolci, Ospiti, Ricette, Vegetariano

????????????????????????????????????

Capesante al forno

FacebookTwitterGoogle+Pinterest

Un’altro antipasto tipico del nostro pranzo di famiglia ufficiale sono le capesante gratinate al forno. Ancora una ricetta del papà delle Presine, ancora un piatto che unisce ingredienti di qualità ad una preparazione semplicissima, che mette in primo piano il sapore delle materie prime.

Ingredienti per 4 persone:

  • 4 capesante piuttosto grandi già lavate con conchiglia
  • aglio
  • olio evo
  • prezzemolo tritato
  • sale e pepe q.b.

La preparazione è semplicissima. Condire le capesante con un po’ di aglio tagliato a scagliette, sale, pepe, un giro d’olio e finire con una manciata di prezzemolo tritato.

collage cappesante

 

Infornare a forno ventilato a 180-190° per 5-10 minuti, finchè non si sarà creata una crosticina attorno alla noce della capasanta.

Impiattare e servire con del prosecco fresco in calice. Buon appetito!

primo pianoa tavola

 

Categories: Cucina, Ospiti, Pausa pranzo, Ricette, Secondi

????????????????????????????????????

Spaghetti alle vongole

FacebookTwitterGoogle+Pinterest

La ricetta di oggi è uno dei cavalli di battaglia del Signor Corrado, appassionato di cucina, padre delle Presine, nonché responsabile dell’amore per la buona tavola di queste ultime. Si tratta degli spaghetti alle vongole alla veneta, in bianco senza pomodoro e senza fronzoli: solo ingredienti di ottima qualità che portano a una massima resa in pochi minuti. Buonissimi e semplici, come le cose che piacciono a noi.

Ingredienti per 4 persone:

  • 350 g di spaghetti n. 5
  • 500 g di vongole veraci
  • ½ testa d’aglio
  • 1 cucchiaio di Olio EVO
  • Una spruzzata di prezzemolo tritato finemente
  • Sale e pepe q.b.

collage ingredienti vongole

Mettere le vongole in un recipiente pieno d’acqua fresca e lasciarle spurgare per almeno 10 minuti. Risciacquarle abbondantemente.

Preparare il fondo di una pentola riscaldando l’olio con la mezza testa d’aglio lasciata intera: Aggiungere le vongole e farle cuocere a fuoco vivace finche non si aprono.

vongole in padella

Nel frattempo mettere gli spaghetti a cuocere in abbondante acqua salata. Non appena pronti, meglio se lasciati bene al dente, aggiungerli nella padella e farli saltare a fuoco vivace, regolando di sale, pepe e aggiungendo una generosa manciata di prezzemolo tritato finemente. Accompagnamo il piatto di spaghetti con un calice di proseco di Valdobbiadene! Buon appetito!

spaghetti saltatipiatto

Categories: Cucina, Ospiti, Pausa pranzo, Primi, Ricette

steline inpiattate

Stelline di pasta sfoglia

FacebookTwitterGoogle+Pinterest

Ricetta lampo, un’idea di antipasto per un pranzo semplice natalizio: stelline di pasta sfoglia con caprino, olive e pomodorini secchi.

Ingredienti per circa 8-9 stelline:

  • 1 rotolo di pasta sfoglia
  • 2 cucchiai di olive nere denocciolate
  • 3 pomodorini secchi
  • 50 g di formaggio caprino fresco (anche il feta va benissimo)
  • Sesamo nero per guarnire
  • 1 stampino taglia-biscotti a forma di stella

ingredienti stelline

Tagliare a pezzettini le olive ,i pomodorini e il formaggio, mescolare il tutto in una ciotola: Stendere la sfoglia e in una delle due metà aggiungere 8-9 mucchietti di ripieno. Piegare a metà la sfoglia, ricoprendo i mucchietti di ripieno e dopo aver ben pigiato con le dita attorno alle montagnette formate dal ripieno, ritagliare la pasta con il taglia-biscotti.

stellina p sfoglia

Spennellare la superficie delle stelline con dell’olio d’oliva e spolverare con il sesamo nero – anche i semi di papavero sono una buona alternativa.

Cuocere per 15-20 minuti in forno preriscaldato a 180°.

steline primo piano

Categories: Cucina, Pausa pranzo, Primi, Ricette, Secondi, Vegano

ciambella fetta logo

Ciambella all’arancia

FacebookTwitterGoogle+Pinterest

É capitato per caso, ho trovato una ricetta, l’ho un po’ modificata a mio gusto e ho preparato una torta. Fin qui nulla di strano. Poi ho assaggiato la torta e ci ho ritrovato un gusto dell’infanzia, delle colazioni in montagna con tutti i cugini, di ogni compleanno in famiglia. Mi sono ricordata di una ciambella profumata di arancia irripetibile…

Ingredienti:

  • 150 g di farina
  • 200 g di fecola di patate
  • 3 uova
  • 200 g di zucchero
  • il succo e la buccia grattugiata di 1 arancia
  • 200 ml di olio o margarina
  • 1 bustina di lievito
  • 50 g circa di marmellata di arancia

Ho sbattuto a mano, con una frusta in acciaio, le uova con lo zucchero fino a farle diventare spumose e chiare, ho aggiunto il succo e la buccia grattugiata di una arancia e due cucchiai di marmellata di arance che avevo in casa. Ho mescolato ed ho aggiunto la margarina precedentemente sciolta in un pentolino e lasciata intiepidire. Ho amalgamato bene il composto ed ho aggiunto un poco per volta la farina con la fecola e il lievito che avevo già mescolato in precedenza tra loro.
Ho ottenuto un composto liscio e piuttosto liquido.

ciambella forno logo
Ho imburrato lo stampo a ciambella, vi ho versato l’impasto ed ho infornato per 40 minuti circa a 180°. Dopo la prova dello stecchino ho tolto dal forno la ciambella, l’ho lasciata raffreddare e l’ho rovesciata su un piatto. Un po’ di zucchero a velo e buon appetito.

ciambellaciambella ravvicinata

Categories: Cucina, Dolci, Ricette, VEG, Vegetariano

ravioli impiattati logo2

Ravioli con farina di castagne

FacebookTwitterGoogle+Pinterest

Ho voluto inaugurare la macchina per la pasta, la “nonna papera”, con dei ravioli con farina di castagne. Era da qualche settimana che volevo provare a prepararli, ma mi ci voleva una buona occasione. La cena di domenica è stata la chance che cercavo… dopo un attento studio e osservazione degna di un primate, mi sono messa all’opera e la fortuna del principiante mi ha assistita fino alla fine.

Ingredienti

Per la pasta:

  • 350 g farina bianca
  • 50 g di farina di castagne
  • 3 uova intere + 1 tuorlo

Per il ripieno:

  • 200 g di ricotta fresca
  • 1 etto di Speck
  • 2 cucchiaini di nocciole in polvere
  • Sale e pepe q.b.

Iniziamo con la pasta. Mettiamo in una ciotola capiente le due farine, amalgamiamole e creiamo una piccola conca dentro la quale metteremo le 3 uova intere più il tuorlo.

vovis

Mescoliamo con l’aiuto di un mestolo di legno oppure direttamente con le mani, non appena il composto sarà piuttosto omogeneo, rovesciamolo su un piano di lavoro precedentemente infarinato e iniziamo ad impastare per almeno dieci minuti. (se avete un’impastatrice sarà molto più semplice) Creiamo una palla di pasta, avvolgiamola con della pellicola perché non si secchi e lasciamola riposare per mezz’ora.
Nel frattempo occupiamoci del ripieno. Tagliamo piuttosto finemente lo speck ed incorporiamolo alla ricotta in una ciotola. Aggiungiamo la polvere di nocciole, aggiustiamo di sale e pepe, mescoliamo bene il tutto.
Torniamo alla pasta. Se avete una macchina a manovella per fare la sfoglia, sarà più semplice regolare lo spessore desiderato, altrimenti lavorate con un mattarello infarinato. Tagliamo la palla in quattro parti, sarà più facile da lavorare, e creiamo quattro sfoglie di circa 2 mm di spessore.

binario pasta2
Adagiamo una sfoglia larga circa 10 cm e lunga 20-25 cm, sul piano di lavoro e creiamo due file di palline di ripieno, mettendolo con un cucchiaino ogni 2 cm circa. Ricopriamo il tutto con la seconda sfoglia, pigiamo con le dita attorno alle montagnette formate dal ripieno e ritagliamo i ravioli con una rotella dentata oppure con un coltello. Procediamo allo stesso modo finché non avremo riempito tutta la pasta.

ravioli pronti logo
Suggerimenti per la preparazione:
Dopo aver fatto cuocere i ravioli in acqua bollente salata per circa 5 minuti (attenzione pero’: la cottura dipende dallo spessore della pasta), fateli saltare un una pentola antiaderente con una noce di burro, dei rametti di timo fresco e della ricotta affumicata. Un giro di pepe e il piato è pronto.

ravioli piatto logo

Categories: Cucina, Pausa pranzo, Primi, Ricette

struffoli3

Struffoli napoletani

FacebookTwitterGoogle+Pinterest

Gli struffoli sono un dolce napoletano tipico del periodo di Natale. Li ho assaggiati per la prima volta ieri sera a cena: una delizia tutta mediterranea, che unisce il miele profumato di limone alla croccantezza di tante palline di pasta dolce, decorate con tanti zuccherini colorati. Normalmente gli struffoli vengono fritti, in questo caso sono stati cotti al forno per renderli più leggeri e farci sentire tutti un po’ meno in colpa.
Per questa ricetta devo ringraziare Alessandro, italiano in Francia e legal alien come noi, che ci ha aperto le porte della sua cucina per condividere questo dolce tradizionale con noi e, per un attimo, ci è sembrato di vedere l’ombra del Vesuvio in lontananza e sentire il profumo del mare.

Ma vediamo come ha fatto.

Ingredienti:

  • 300 g farina
  • 100 g zucchero
  • 30 g burro
  • 3 uova
  • 1 bicchierino di rhum
  • latte q.b.
  • la buccia grattuggiata di 1 limone
  • 500 g miele
  • codette di zucchero colorate q.b. oppure altre decorazioni a proprio piacimento

collage

Mettere la farina 00 su un piano di lavoro e formare una fontana, aggiungere lo zucchero, le uova, il liquore e il burro sciolto; quindi mescolare con cura e formare un impasto omogeneo.
Coprire il composto e lasciar riposare per 30minuti; successivamente riprendere l’impasto e formare degli gnocchi piccoli che verranno messi in una teglia rivestita di carta da forno e dovranno essere infornati per 15/20minuti a 180gradi.
In un pentolino scioglire il miele aromatilizzandolo con la buccia del limone, e versarci gli gnocchetti.
Infine sistemarli su un piatto, servire come si preferisce e ricoprire tutto con le codette di zucchero.
Buon dolce a tutti!

struffoli

Categories: Cucina, Dolci, Luoghi, Ospiti, Ricette, VEG, Vegetariano

ciambelline2

Ciambelline

FacebookTwitterGoogle+Pinterest

avvento 11dicLa ragione per cui questi biscotti, pur non avendo il buco si chiamino ciambelline, si è persa nella notte dei tempi.La ricetta che riporto fedelmente è quella della nonna materna di mio marito. Luca era tra i nipoti il più grande mangiatore di ciambelline (o almeno così racconta lui) e ancora oggi riesce a prosciugare un mezzo litro di caffelatte con il solo aiuto di questi portentosi biscotti. Per impratichirci nell’arte delle ciambelline, siamo andati a bottega dalla Signora Adriana, mamma di Luca, che ha portato a Bruxelles i limoni del suo giardino e la ricetta originale.

Ingredienti:

  • 200 g di zucchero
  • 200 g di strutto
  • 2 uova
  • 500 g di farina 00
  • 1 bustina di lievito
  • la scorza grattuggiata di un limone

Ingredienti ciambellineMescolate lo strutto e lo zucchero fino ad ottenere una crema. Aggiungete le uova, il lievito, il limone e la farina e impastate con le mani. Il composto dovrà essere ben amalgamato. Tirate l’impasto con l’aiuto di un mattarello fino ad ottenere uno spessore omogeneo di più o meno mezzo centimetro. A questo punto tagliate i biscotti con una formina. Se qualcuno si chiedesse che cosa rappresenta la formina che ho utilizzato io, beh si tratta di un biberon. Credo di avere le più brutte formine d’Europa in casa, ma intendo rimediare.

ciambelline making of

Prima di  disporre le ciambelline su di una leccarda foderata di carta da forno, cospargetele di zucchero bianco su un lato. Vi consiglio di preparare un piattino con dello zucchero e di passare i biscotti sul piatto.

Infornate a 200°C per 15 minuti.

ciambelline

 

Categories: Cucina, Dolci, Ricette

pane di zucca

Pane di zucca

FacebookTwitterGoogle+Pinterest

avvento 10dic Quando penso al pane alla zucca la prima persona che mi viene in mente è la mia nonna materna. Anche se in generale non le piaceva particolarmente cucinare, il suo pane alla zucca dolce era insuperabile. Usava rigorosamente le zucche del suo orto e il risultato era una merenda buonissima. Il pane che abbiamo preparato qualche tempo fa nella cucina di Bruxelles e di cui oggi condividiamo la ricetta, assomiglia un po’ a quello della mia memoria, ma non è esattamente lo stesso, perché purtroppo né io né Giulia abbiamo mai chiesto la ricetta alla nonna.
In questo caso dell’impasto si è occupato Luca, il “pifferaio magico” dei lieviti e, tolto dal forno, il pane era soffice e fragrante.

Ingredienti:

  • 400 g di farina
  • 300 g di polpa di zucca
  • 12 g di lievito di birra
  • 1 cucchiaino di zucchero
  • 30 g di olio evo
  • 80 g di uvetta
  • 150 ml di acqua tiepida
  • un pizzico di sale

Per decorare: 50 ml di latte

Jpeg

zucca

Tagliate la polpa di zucca a cubetti, e fatela cuocere a fuoco medio un una pentola antiaderente per circa 15-20 minuti, coprendo con un coperchio e aggiungendo in po’ d’acqua se necessario. Schiacciatela con i rebbi di una forchetta.
In un bicchiere, fate sciogliere il lievito di birra con circa 100 ml di acqua appena tiepida, aggiungete lo zucchero (che aiuta la lievitazione) e parlate al lievito incitandolo a fare bene il suo lavoro: vi ascolterà.
In una ciotola capiente mescolate la polpa di zucca, l’olio, il lievito disciolto e la farina. Poi aggiungete il sale e altra acqua tiepida, a poco a poco e finalmente, l’uvetta. Impastate con le mani fino ad ottenere un impasto soffice, ma non appiccicoso, aggiungete altra farina al bisogno. Continuate ad impastare per almeno altri 5 minuti su un piano di lavoro precedentemente infarinato. Mettete ora la palla di pasta ottenuta in una ciotola, coprite con un canovaccio e lasciate lievitare nel forno spento con la luce accesa, per circa due ore.
Una volta lievitata l’impasto avrà raggiunto circa il doppio del suo volume originario. Ringraziate il lievito e procedete nel creare le forme di pane che preferite. Noi abbiamo creato delle palline e una bella treccia. Spennellate i panini con il latte tiepido per ottenere una crosticina lucida e dorata. Lasciateli lievitare ancora per circa 40-50 minuti, sempre in forno con a lucina accesa. Finita la seconda lievitazione togliete la leccarda con i panini dal forno, portatelo ad una temperatura di 200° e fate cuocere il pane per circa 15-20 minuti.

pane di zucca

Categories: Cucina, Dolci, Pausa pranzo, Ricette, VEG, Vegetariano